Prevenire la parodontite: cause e sintomi

La parodontite, conosciuta anche come piorrea, è una malattia del parodonto (ossia di quel tessuto costituito da tutte le componenti che circondano il dente e che hanno il compito di mantenerlo ancorato all’osso). Di fatto altro non è che una infiammazione del parodonto, può manifestarsi in modo subdolo, con sintomi vaghi che, col passare del tempo, diventano sempre più marcati. Se non trattata adeguatamente, la parodontite, può portare alla caduta degli elementi dentali colpiti.

Proprio a causa delle sue gravi conseguenze, questa patologia va adeguatamente prevenuta prima ancora di essere curata. A tale scopo è fondamentale conoscerne le cause: la malattia parodontale si presenta a seguito di una infezione batterica e virale che causa una infiammazione cronica ai tessuti di supporto del dente.

In generale, è provocata dalla presenza di batteri all’interno del cavo orale che proliferano soprattutto a causa dell’accumulo di placca e tartaro. Quindi in definitiva, la parodontite è causata da una scorretta o assente igiene orale personale e professionale.

Parodontite: ecco a quali sintomi prestare attenzione

È importante anche conoscere quelli che sono i sintomi che possono preannunciare la malattia, i campanelli d’allarme a cui è opportuno prestare attenzione:

• Come si diceva il principale sintomo da non sottovalutare è l’infiammazione alle gengive. Quando si cronicizza o si propone ripetutamente in fasi acute, un importante campanello d’allarme per la piorrea.
• Anche il sanguinamento delle gengive che può avvenire in modo spontaneo, durante lo spazzolamento e, in alcuni casi, anche durante la masticazione degli alimenti è un segnale.
• Tumefazione delle gengive: gengive gonfie, tumefatte e dolenti rientrano nella rosa dei sintomi tipici della malattia parodontale.
• Sensibilità delle gengive: le gengive possono diventare estremamente sensibili e dolenti al contatto con lo spazzolino o con cibi particolarmente duri in caso di paradontite.
• Sensibilità dentale: i denti sensibili al contatto con alimenti molto caldi, molto freddi, oppure molto dolci, possono indicare la comparsa di una malattia parodontale.
• Alitosi: ovvero l’odore sgradevole emesso durante l’espirazione. Può essere causata da svariati fattori tra i quali c’è anche la parodontite
• Recessione gengivale: avviene quando le gengive si ritirano lasciando scoperta la radice del dente. Ha sia conseguenze estetiche sia una compromissione funzionale: l’ipersensibilità dentinale e l’infiammazione locale.
• Aumento di spazio tra i denti: tipico della piorrea si produce perché diminuisce la stabilità dentaria, anche a causa della recessione delle gengive.
• Infine i denti che si muovono è un importantissimo campanello d’allarme per la diagnosi della parodontite e, generalmente, si presenta in casi che hanno già raggiunto uno stadio avanzato della malattia.

In presenza di uno o più di questi sintomi, il consiglio è di rivolgervi tempestivamente a uno specialista che, attraverso specifiche analisi riuscirà a fornirvi un esatto quadro della situazione.
A Taranto, lo studio dentistico De Bartolomeo è specializzato nella cura di tutte le patologie relative ai denti compresa la paradontite. Puoi contattarci per un consulto prenotando un appuntamento al numero 099 7351515.

Una diagnosi precoce aumenta in modo sensibile la possibilità di risolvere positivamente un caso di parodontite!

857 Visitatori

Share:

Lascia un commento